Molto spesso, infiammazioni e dolori alle articolazioni possono diventare un problema serio e trasformarsi in patologie invalidanti per la vita di tutti i giorni.

Chi soffre di osteoartrosi, artrite, sa bene di cosa stiamo parlando, anche pèrchè, il più delle volte, la sua insorgenza è dovuta a stati infiammatori.

Tra i fattori che possono scatenare questo tipo di situazioni vi è sicuramente una forma fisica non ideale e il sovrappeso o l’obesità sono tra i principali indiziati.

Mentre, al contrario, chi pratica regolarmente attività fisica, anche moderata, dovrebbe esserne più al riparo.

L’importanza dell'attività fisica

La prima cosa da non fare è trascurare i primi, anche deboli, segnali di stati infiammatori articolari, che se lasciati senza controllo, possono innescare un circolo vizioso.

Il circolo vizioso, infatti, è quasi sempre provocato da abitudini alimentari e stile di vita malsani.

I trattamenti convenzionali prevedono l'uso di FANS (farmaci antinfiammatori non steroidei), che purtroppo hanno effetti collaterali, tra i quali vi è il possibile danneggiamento dei tessuti cartilaginei (Fonte: J T Dingle. The effects of NSAID on the matrix of human articular cartilages)

Come rimediare

Esistono oggi delle valide alternative naturali che, riducono, efficacemente dolore ed infiammazioni.

Gli integratori a base di curcuma e piperina hanno una storia ricca di recensioni scientifiche favorevoli sul loro uso combinato.

L’acido alfa lipoico è rinomato per essere un potente antiossidante, oltre ad essere efficacie nel controllo e riduzione del peso.

Estratto di curcuma (Curcuma longa)

La curcumina è il principale componente attivo della polvere di curcuma, estratta dal rizoma della pianta di Curcuma longa.

La sua potente attività antinfiammatoria, oltre a possedere proprietà antidolorifiche e antiossidanti, è confermata da numerosi studi scientifici.

Molti studi, anche recenti, hanno confermato la proprietà della curcumina, di regolare e mitigare gli stati infiammatori, rendendola un alleato terapeutico naturale molto valido (Fonte: Ajaikumar B Kunnumakkara, Devivasha Bordoloi et al. Curcumin, the golden nutraceutical: multitargeting for multiple chronic diseases).

Inoltre, gli integratori a base di curcumina, si sono rivelati sicuri ed efficaci per ridurre dolore e stati infiammatori nei pazienti affetti da artrite (Fonte: K Madhu, K Chanda, et al. Safety and efficacy of Curcuma longa extract in the treatment of painful knee osteoarthritis: a randomized placebo-controlled trial).

In particolare, la curcumina si è rivelata efficace nel placare e alleviare i sintomi dell’artrite al ginocchio (Fonte: Yunes Panahi, Ali-Reza Rahimnia, et al. Curcuminoid treatment for knee osteoarthritis: a randomized double-blind placebo-controlled trial).

Ma soprattutto, ed è un fattore di straordinaria importanza, gli integratori a base di curcuma si sono dimostrati, per efficacia, paragonabili ai trattamenti con FANS, però, senza gli effetti collaterali che questi si portano dietro (Fonte: Vilai Kuptniratsaikul, Piyapat Dajpratham, et al. Efficacy and safety of Curcuma domestica extracts compared with ibuprofen in patients with knee osteoarthritis: a multicenter study).

Nello studio appena citato, sono stati osservati quasi 400 soggetti e l'integrazione a base di curcumina ha raggiunto i livelli di efficacia dell’ibuprofene.

Piperina

La piperina è un alcaloide e viene estratta dal pepe nero (Piper nigrum). È la sostanza responsabile del sapore piccante.

Le proprietà medicinali della curcumina, ottenuta dalla Curcuma longa, vengono assorbite con difficoltà dal nostro organismo (con conseguenti bassi livelli plasmatici e tissutali), a causa della scarsa biodisponibilità dovuta al suo rapido metabolismo e ad una rapida eliminazione.

In una ricerca, è stato valutato l’impatto della combinazione di piperina, un noto inibitore della glucuronizzazione epatica e intestinale, sui livelli di biodisponibilità della curcumina in cavie e in soggetti umani sani (Fonte: Preetha Anand, Ajaikumar B Kunnumakkara, et al. Bioavailability of curcumin: problems and promises).

Quando la curcumina è stata somministrata da sola, nella dose di 2 g/kg alle cavie, sono state raggiunte moderate concentrazioni sieriche per un periodo di 4 h.

La somministrazione concomitante di piperina 20 mg/kg ha aumentato significativamente la concentrazione sierica di curcumina.

Anche negli esseri umani dopo una dose di 2 g di curcumina da sola, i livelli sierici erano o non rilevabili o molto bassi.

Mentre, una somministrazione concomitante di piperina di 20 mg ha prodotto concentrazioni molto più elevate e l'aumento della biodisponibilità è stato del 2000%.

Lo studio ha dimostrato che la piperina ne aumenta la concentrazione plasmatica, il grado di assorbimento e la biodisponibilità senza effetti negativi.

Acido alfa lipoico

L'acido alfa-lipoico ha recentemente guadagnato una notevole attenzione come antiossidante.

La somministrazione di acido alfa-lipoico ha dimostrato di essere benefica, in una serie di modelli di stress ossidativo, come l’ischemia con danni da riperfusione, il diabete, la formazione della cataratta e nelle malattie neurodegenerative (Fonte: L Packer, E H Witt, et all. Alpha-Lipoic acid as a biological antioxidant).

Una ricerca, ha sperimento l’assunzione combinata di curcuma e acido alfa lipoico, giungendo alla conclusione che “il trattamento con curcumina e acido α-lipoico ha ridotto significativamente l'aumento di peso in cavie sottoposte a regimi alimentari con alto contenuto di grassi” (Fonte: Evgeniy Panzhinskiy, Raza Bashir, et all. Effect of curcumin and α-lipoic acid in attenuating weight gain and adiposity).

La ricerca, quindi, conferma che gli integratori che combinano curcumina e acido α-lipoico aiutano a controllare il peso, anche in presenza di abitudini alimentari scarsamente attente ai livelli di grassi assunti.

©Copyright - Tutti i diritti riservati Nessuna licenza