Integratori e piante. Il ginseng è davvero utile anche per la libido? E per gli sportivi?

Integratori e piante. Il ginseng è davvero utile anche per la libido? E per gli sportivi?

Il ginseng coreano o Panax ginseng è una delle piante più usate al mondo per curare, soprattutto secondo la medicina alternativa, molti disturbi tra i più disparati.

Ma per chi pratica sport possono essere interessanti le sue virtù tonificanti, su cui però, come illustrano vari studi, i pareri sono discordanti.

Ad esempio una ricerca condotta su soggetti non allenati.

Per circa un mese a uomini e donne si è fatto assumere giornalmente integratori a base di ginseng.

Dallo studio è emerso che probabilmente grazie all’integrazione con il ginseng è stato possibile protrarre di circa sette minuti una prova di resistenza che consisteva nel pedalare il più a lungo possibile al 65-70% del VO2 max (Fonte Liang MT, Podolka TD, etc. Panax notoginseng supplementation enhances physical performance during endurance exercise).

In un altro studio alcuni uomini sedentari hanno ricevuto, per otto settimane, un placebo, altri un integratore con 6 g di ginseng suddiviso in tre dosi quotidiane.

I soggetti hanno dovuto sostenere il più a lungo possibile uno sforzo aerobico su tapis roulant.

Il ginseng ha ridotto il manifestarsi della stanchezza di 1,5 minuti.

Inoltre, nei due gruppi si è osservato un incremento dei marcatori dello stress ossidativo, ma in misura minima con il ginseng.

L’attività degli enzimi antiossidanti è stata superiore dopo aver assunto il ginseng (Fonte Kim SH, Park KS, etc. Effects of Panax ginseng extract on exercise-induced oxidative stress).

Questo spiega perché l’attacco dei radicali sia stato attenuato dalla pianta e si sia riscontrato un miglioramento della prestazione.

Altri studi hanno valutato le conseguenze della possibile azione antiossidante della radice di ginseng dopo avere assunto per quattro settimane un integratore a base di ginseng con dosaggio di circa 400 mg.

Il consumo ha permesso di ridurre del 20% l’aumento del tasso dei marcatori del catabolismo muscolare dopo uno sforzo di resistenza, ma non ha influito minimamente sulla prestazione (Fonte Hsu CC, Ho MC, etc. American ginseng supplementation attenuates creatine kinase level induced by submaximal exercise in human beings).

Altre ricerche ancora hanno evidenziato che nei triatleti, l’aver preso ginseng per dieci settimane a inizio stagione non sembra aver influito sulle prestazioni.

Peraltro dieci settimane di assunzione di integratori a base di ginseng, a fine stagione sportiva, sembrano attenuare il calo delle prestazioni osservato durante lo stesso periodo.

Uno studio ha invece evidenziato che assumere un integratore con almeno 200 mg di ginseng consente di migliorare rapidamente le capacità intellettuali (Fonte Reay JL, Kennedy DO, etc. Single doses of Panax ginseng (G115) reduce blood glucose levels and improve cognitive performance during sustained mental activity).

 

Questo parametro può rivelarsi importante in alcune discipline.

I ginseng non sono tutti uguali

Perché siano di qualità, le radici di ginseng devono essere state coltivate per almeno cinque o sei anni e raccolte in autunno.

Le garanzie che quelle presenti sugli scaffali dei negozi rispettino questi criteri sono pochissime.

Il problema della qualità insieme all’origine diversissima dei ginseng spiega probabilmente in parte gli effetti contraddittori osservati nello sportivo.

La presenza (o meno) di caffeina nel ginseng sembra inoltre influire sulla prestazione.

Analisi cromatografiche mostrano che il ginseng americano è praticamente sprovvisto di caffeina, mentre le varietà asiatiche analizzate ne sono ricchissime.

Effetti collaterali del ginseng

La variazione del tasso di caffeina potrebbe spiegare alcuni effetti collaterali come il nervosismo, che insorgono, in alcuni casi, dopo aver assunto la pianta.

Miglioramento della libido

Uno studio del 2002 ha invece indicato che il ginseng migliora la libido.

I risultati hanno indicato che la funzione erettile era stata significativamente più alta nei pazienti trattati con ginseng rosso coreano che in quelli che hanno ricevuto placebo.

I dati della ricerca hanno mostrato che il ginseng rosso coreano può essere un'alternativa efficace per il trattamento della disfunzione erettile maschile (Fonte Hong 1, Ji YH, etc. A double-blind crossover study evaluating the efficacy of korean red ginseng in patients with erectile dysfunction: a preliminary report).

©Copyright - Tutti i diritti riservati Nessuna licenza